Dedurre l’auto aziendale al 100%: è possibile? Ecco la disciplina fiscale di riferimento

“Scaricare” l’auto aziendale al 100%? Secondo la normativa italiana, le aziende, i professionisti e i titolari di partita IVA possono dedurre i costi auto (acquisto, leasing, benzina/diesel, bollo, assicurazione, etc.) in base all’utilizzo del bene.

E’ possibile scaricare i costi dell’auto al 100% dal proprio bilancio e, contemporaneamente, detrarre il 100% dell’IVA pagata sul prezzo d’acquisto del veicolo? Vediamo di capire meglio quale sia la disciplina normativa fiscale di riferimento.

Dedurre l’auto aziendale dal bilancio dell’azienda: normativa di riferimento

La normativa fiscale nazionale riconosce ad ogni imprenditore, professionista o soggetto titolare di Partita Iva di dedurre le spese dell’auto al massimo al 20% e di detrarre l’IVA dell’auto al 40%.

Infatti, già da diversi anni sono state introdotte rilevanti novità in materia di deducibilità dei costi auto aziendali e di detraibilità IVA relativamente ai veicoli aziendali.

Per il corrente anno 2017, parimenti ai tre anni precedenti (dall’anno fiscale 2013), il limite di deducibilità previsto dalla normativa è stato fissato al 20% del costo sostenuto dalle aziende e nel limite massimo del 40% dell’IVA pagata sul prezzo di acquisto dell’auto o altri veicoli aziendali.

La legge n. 92 del 2012, la c.d. Riforma Fornero e la legge di Stabilità 2013 hanno ridotto le percentuali di deduzione degli oneri e degli altri componenti reddituali negativi sostenuti dall’imprenditore per le auto e veicoli aziendali.

Ciò comporta un rilevantissimo impatto sul carico fiscale delle aziende: la deducibilità dei costi consente di “abbattere” le imposte sui redditi, Irpef e Ires.

Si ricorda che l’Irpef viene computata sul reddito delle persone fisiche e viene applicata con aliquote per scaglioni di reddito; l’Ires è l’imposta che colpisce il reddito delle società.


La normativa fiscale avente ad oggetto la disciplina della deducibilità dei costi relativi ad auto aziendali è contenuta negli articoli 102 e 164 del Testo Unico delle imposte sui redditi (TUIR).

Diverse sono le percentuali di deducibilità per le aziende: dalla deducibilità piena a quella “parziale, a seconda delle diverse destinazioni e usi del veicolo.

A partire dall’anno 2013 sono stati modificati i seguenti articoli del TUIR: l’art. 164 comma 1 lettera b) del TUIR, è stata “ritoccata” l’aliquota dal 40% al 27,5%, e poi con la legge di Stabilità al 20% la quota di deducibilità delle spese e degli altri componenti negativi relativi alle auto aziendali che non sono impiegati esclusivamente come beni strumentali.

Nel caso di uso promiscuo dell’auto, i costi inerenti le spese per bollo, assicurazione auto, carburante, pedaggi autostradali, tutti i costi di manutenzione sostenuti per quell’auto sono deducibili al 20% e la loro IVA detraibile al 40%.

Costi auto: deducibilità al 100%, quando è possibile?

La domanda che ci eravamo posti inizialmente era la possibilità per le aziende, professionisti e titolari di Partita Iva di “scaricare” l’auto aziendale al 100% e detrarre al 100% il costo dell’IVA, in luogo della deducibilità al 20% del costo dell’auto e detraibilità IVA al 40% prevista dalla normativa in caso di uso “promiscuo” del veicolo aziendale.

Richiamiamo la normativa di riferimento: l’art. 164 del TUIR disciplina i “Limiti di deduzione delle spese e degli altri componenti negativi relativi a taluni mezzi di trasporto a motore, utilizzati nell’esercizio di imprese, arti e professioni”.

Si tratta di acquisti di auto e veicoli ad uso destinati per essere impiegati esclusivamente come beni strumentali nell’attività propria dell’impresa.

Ciò vale anche per gli aeromobili da turismo, le navi, le imbarcazioni da diporto: la lettera a) del comma 1 dell’art. 164 TUIR consente la deducibilità al 100% per l’intero ammontare del costo di acquisto.

Inoltre, l’articolo 164 del TUIR recita che “Le spese e gli altri componenti negativi relativi ai mezzi di trasporto a motore indicati nel presente articolo, utilizzati nell’esercizio di imprese, arti e professioni, ai fini della determinazione dei relativi redditi sono deducibili solo se rientranti in una delle fattispecie previste nelle successive lettere a), b) e b-bis)”. Qui troviamo un elenco tassativo di tutti i casi di deducibilità dei costi al 100%.

In estrema sintesi: per la deducibilità al 100% è necessario quindi il requisito di esclusivo utilizzo dell’auto come bene strumentale nell’attività dell’impresa (principio di inerenza).

Se vuoi approfondire l’argomento leggi anche l’articolo: ” Come Scaricare l’auto aziendale “. 


✍ Affiliazioni, Web Marketing, Infoprodotti, Pubblicità Online su blog e siti web, prestazioni occasionali, fatture estere, tanti argomenti con un’unica problematica, il FISCO! Non perdere tempo ⌛ leggi l’ebook per essere al 100% sicuro che non stai commettendo errori, che potrebbero costarti caro! ☚ Clicca Qui!!


INSERISCI LA TUA MAIL PER RICEVERE GRATIS CONSIGLI E STRATEGIE FISCALI

* indicates required
Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03

Hai dei dubbi sul Fisco? Non sai se stai tenendo un comportamento fiscalmente corretto? Vuoi evitare pesanti sanzioni? Chiedi al Dott. Vincenzo Romano - Commercialista Abilitato CLICCA QUI E SCOPRI COME AVERE UNA CONSULENZA PERSONALIZZATA IN MENO DI 24 ORE


EVITA LE CODE AGLI SPORTELLI: SCARICA VISURE CAMERALI E DOCUMENTI IN POCHI SECONDI!  TUTTE LE VISURE ONLINE · APERTI 7 GIORNI SU 7 · NUMERO VERDE GRATUITO · VISURE IN TEMPO REALE!  CLICCA QUI E RICEVI MAGGIORI INFORMAZIONI SUL SERVIZIO 


Scrivere articoli e guide richiede moltissimo impegno. Aiutaci a condividere questo post: a te non costa nulla, per noi è importantissimo! Condividi su Facebook l'articolo appena letto.Grazie


Grazie per aver letto l'articolo fino alla fine. SCR News mette a disposizione notizie sul mondo del Fisco e Leggi, Economia, Finanza, Trading e guide di natura contabile fiscale. Rimani aggiornato diventando un FAN della nostra pagina facebook.

Leave a Reply