Polo unico per le visite mediche di controllo: dal 1 settembre è ufficiale

Il Presidente dell’INPS, prof. Tito Boeri, ha presentato in data 30 agosto 2017 alle ore 10, presso Palazzo Wedekind, il Polo unico per le Visite Mediche di Controllo (VMC).
Questa nuova struttura valida sia per il settore pubblico che per quello privato, entrerà in vigore da domani 1° settembre 2017 e prevede l’attribuzione all’INPS della competenza esclusiva di espletare le visite mediche di controllo sia su richiesta delle pubbliche amministrazioni, in qualità di datori di lavoro, sia d’ufficio, come comunicato precedentemente con messaggio 9 agosto 2017, n. 3265.
Ci eravamo già precedentemente occupati in un altro post di indicare le categorie di amministrazioni e dipendenti pubblici rientranti nell’ambito di applicazione della normativa sul Polo unico, le quali vengono a costituire la platea di riferimento per gli accertamenti medico-fiscali sui dipendenti assenti dal servizio per malattia.
Cosa cambierà da domani 1° settembre 2017 ? La richiesta delle Visite Mediche di Controllo (VMC) dovrà essere effettuata anche da parte delle pubbliche amministrazioni tramite il servizio online “Richiesta visita medica di controllo”, venendo ad allineare ed uniformare la procedura con il settore privato.


Il sistema di certificazione della malattia

Con l’introduzione della certificazione telematica di malattia (legge finanziaria per il 2005), il medico curante deve redigere e trasmettere il certificato all’Inps, tramite apposito sistema informatico Sistema di Accoglienza Centrale (SAC) o Sistema di Accoglienza Regionale (SAR).
In tal modo, l’Inps riceve tutte le certificazioni telematiche di malattia, comprese quelle dei lavoratori non aventi diritto alla tutela previdenziale.
Tutte le certificazioni di malattia, allo stato attuale, sono consultabili on line, mediante specifiche chiavi di accesso, sia dal lavoratore che dal datore di lavoro, i quali hanno anche accesso tempestivo agli esiti delle VMC effettuate su loro richiesta.

Le visite mediche di controllo: cosa cambia dal 1 settembre 2017

Fino a questo momento Inps ha ricevuto i certificati telematici di malattia di tutti i lavoratori dipendenti, compresi i dipendenti pubblici che non hanno diritto alla indennità di malattia corrisposta da Inps.
Inoltre, INPS fino ad oggi NON ha mai disposto visite mediche di controllo nella PA, se non nel caso in cui la pubblica amministrazione, datore di lavoro, ne abbia fatto richiesta.
Dal 1° settembre 2017, come sancito dagli artt. 18 e 22 DLgs 75 del 27 maggio 2017 prende avvio il Polo unico per le visite fiscali con l’attribuzione a Inps della competenza esclusiva ad eseguire visite mediche di controllo, oltre che ai lavoratori privati, anche ai lavoratori pubblici assenti per malattia, sia su richiesta delle pubbliche amministrazioni in qualità di datori di lavoro, sia d’ufficio (sono escluse dalle competenze Inps le visite al personale delle forze armate, polizia, vigili del fuoco).

Il sistema di gestione delle visite mediche di controllo: il processo

Per quanto concerne le visite mirate ed efficaci, un sofisticato Data Mining elabora serie storiche di decine di milioni di eventi di malattia e, sulla base di criteri individuati su base statistica, seleziona quotidianamente gli eventi più probabilmente passibili di riduzione della prognosi.
Per le visite tempestive, ogni giorno, entro le prime ore del mattino, l’applicativo informatico SAVIO procede ad assegnare le visite domiciliari ad ognuno dei medici fiscali, combinando le visite mediche di controllo d’ufficio e quelle su richiesta dei datori di lavoro; il medico fiscale riceve in tempo reale le sue VMC sul proprio NetBook (in via di sostituzione con tablet).
L’applicativo informatico SAVIO assegna le visite mediche di controllo tra i medici disponibili e a ciascun medico in modo da minimizzare i costi.
Inoltre, tutti i certificati medici, richieste datoriali di visite mediche di controllo , selezione malattie a rischio, assegnazione visite ai medici, esiti delle visite mediche di controllo etc. tutto avviene attraverso canali informatici e la messa a disposizione delle informazioni ai soggetti interessati/coinvolti è rapida ed efficiente.

Polo unico per le visite di controllo: vantaggi

La gestione complessiva delle visite mediche di controllo da parte di un unico soggetto istituzionale comporterà vantaggi in termini di efficienza ed efficacia, oltre che di garanzia di omogeneità nella trattazione del controllo sulle assenze dal lavoro per malattia nei confronti di tutti i lavoratori dipendenti.
Nell’ambito della malattia dei dipendenti pubblici, l’utilizzo dell’esperienza e degli applicativi dell’Inps e l’unificazione in capo ad esso di tutte le VMC consentirà di perseguire sia economie di scala sia strategie di verifica mirate ed efficaci, impensabili con il sistema attuale di competenze «distribuite» e di assenza di politiche di visite d’ufficio.
Il Polo Unico consentirà il monitoraggio sistematico da parte di Inps degli eventi di malattia e della loro lunghezza nonché delle visite effettuate.

 



Scrivere articoli e guide richiede moltissimo impegno. Aiutaci a condividere questo post: a te non costa nulla, per noi è importantissimo! Condividi su Facebook l'articolo appena letto. Grazie per aver letto l'articolo fino alla fine. SCR News mette a disposizione notizie sul mondo del Fisco e Leggi, Economia, Finanza, Trading e guide di natura contabile fiscale. Rimani aggiornato diventando un FAN della nostra pagina facebook.


Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.