Avviso 10 luglio 2017: Trasmissione dati fatture emesse/ricevute

Da oggi 10 luglio sarà possibile trasmettere i dati delle fatture emesse/ricevute anche per più clienti/fornitori, secondo le specifiche tecniche pubblicate in data 28/03/2017. Le funzionalità ‘Fatturazione’, ‘Dati Fatture e Comunicazioni IVA’ e “Consultazione-Monitoraggio dei file trasmessi” saranno disattivate dalle 8:00 alle 16:00 di oggi 10/07/2017 per manutenzione. 

L’Agenzia delle Entrate lo scorso marzo aveva pubblicato il Provvedimento in merito alla “Definizione delle informazioni da trasmettere e delle modalità per la comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute e dei dati delle liquidazioni periodiche IVA di cui agli articoli 21 e 21-bis del Decreto Legge 31 maggio 2010, n.78 e modifica dei termini per la trasmissione dei dati delle fatture stabiliti dal Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 28 ottobre 2016, numero 182070”.

Comunicazione e trasmissione dei dati delle fatture emesse/ricevute

Tutte le fatture emesse, ricevute e registrate, comprese le bollette doganali, e le relative note di variazione, nel corso del periodo d’imposta devono essere inserite nella comunicazione. I contribuenti devono trasmettere, per ogni fattura, i seguenti dati:

  • cedente/prestatore,
  • cessionario/committente,
  • data del documento,
  • data di registrazione (per le sole fatture ricevute e le relative note di variazione),
  • numero del documento,
  • base imponibile,
  • aliquota Iva applicata e la relativa imposta. Se l’operazione non comporta l’annotazione dell’imposta nel documento, va indicata la tipologia dell’operazione posta in essere.

Per quanto concerne la comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche IVA devono essere trasmesse con il Modello allegato al Provvedimento, come riportato nelle “Specifiche tecniche e regole per la compilazione della comunicazione”. Il Modello “Comunicazione liquidazioni periodiche IVA” (di seguito “Modello”) di cui all’articolo 21-bis del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 con le relative istruzioni, è composto da:

  • il frontespizio, contenente anche l’informativa relativa al trattamento dei dati personali;
  • il quadro VP.

I dati del Modello, una volta acquisiti, saranno resi disponibili al contribuente, nel proprio Cassetto fiscale e nella sezione Consultazione dell’area autenticata dell’interfaccia web “Fatture e Corrispettivi”, nel sito internet dell’Agenzia delle entrate.

La modalità di trasmissione, sia della comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute che le comunicazioni dei dati delle liquidazioni periodiche IVA, deve essere espletata mediante procedura telematizzata, mediante invio diretto del contribuente o ricorrendo ad un professionista ed intermediario abilitato. I soggetti incaricati della trasmissione telematica rilasciano al contribuente copia del Modello trasmesso e della ricevuta, che ne attesta l’avvenuto ricevimento da parte del Fisco e che costituisce prova dell’avvenuta presentazione.

Per quanto riguarda i termini di trasmissione, il dettato legislativo ha omogeneizzato le scadenze della comunicazione opzionale dei dati delle fatture ex art. 1, comma 4, D.lgs. 127/2016 con i nuovi termini per la “Comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute” sanciti dal decreto “milleproroghe”, riportiamoli nella presente tabella:



Scrivere articoli e guide richiede moltissimo impegno. Aiutaci a condividere questo post: a te non costa nulla, per noi è importantissimo! Condividi su Facebook l'articolo appena letto. Grazie per aver letto l'articolo fino alla fine. SCR News mette a disposizione notizie sul mondo del Fisco e Leggi, Economia, Finanza, Trading e guide di natura contabile fiscale. Rimani aggiornato diventando un FAN della nostra pagina facebook.


Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.