Prestazioni occasionali svolte verso cliente estero: Ritenuta d’acconto e obbligo di dichiarazione dei redditi

Lavoro a distanza? E’ sempre più una realtà consolidata nell’attuale scenario occupazionale: pensiamo alla pletora di web editor, di copywriter, di giornalisti freelance, traduttori, webmaster che svolgono senza alcun vincolo di subordinazione e senza vincoli di orario, la propria prestazione professionale (anche d’opera intellettuale). Si tratta di prestazioni occasionali dato che la maggior parte di essi, soprattutto alle prime armi, sono dubbiosi e timorosi di avviare l’iter per aprire la “famosa” Partita Iva.

Dunque, per i freelance che non siano titolari di partita Iva ma emettono la Notula per prestazione, dal punto di vista fiscale devono applicare la ritenuta d’acconto sull’importo del compenso economico lordo spettante. Molti dei freelance riescono a reperire commesse da clienti presenti sul territorio estero e, qui, sorge il vero problema: che fattura si deve emettere? Come inserire la ritenuta d’acconto? Tantissimi sono i dubbi che sorgono relativamente la ritenuta d’acconto; tuttavia, il sostituto d’imposta (il committente) non può versare la ritenuta alle casse dell’Erario italiano. Lo stato dove risiede il cliente è sotto una diversa regolamentazione e disciplina tributaria, mentre il prestatore freelance è assoggettato al Fisco italiano.

Cliente estero e freelance/prestatore italiano: Notula per prestazione occasionale

Dato che il committente che commissiona i lavori e i progetti editoriali da sviluppare è presente e subordinato ad una disciplina tributaria diversa da quella italiana, lo stesso committente non può assolvere da sostituto d’imposta. Pertanto, come si deve emettere la notula di prestazione occasionale? Non potendo versare la ritenuta d’acconto, la ricevuta per il compenso deve essere emessa al cliente estero al lordo della ritenuta stessa. 

Neppure il freelance è tenuto a versare la ritenuta d’acconto; tuttavia, ricordiamo che trattandosi di redditi derivanti da prestazione occasionale vanno dichiarati (nel Modello Unico o 730) e, nel momento della presentazione della dichiarazione dei redditi, si dovrà pagare l’IRPEF su quanto introitato con i clienti esteri.

Ricorda che nel momento in cui si presenta la dichiarazione dei redditi, seppur introitato redditi derivanti da prestazione occasionale, a seconda della situazione, è possibile che derivi un credito o un debito Irpef.
Notula da emettere ad un cliente estero.

Se lavori come freelance senza Partita Iva e svolgi prestazioni occasionali, devi emettere la Notuta per prestazione occasionale verso il cliente (committente)estero, il quale non può assolvere da sostituto d’imposta.

Ecco il modello di Notula che deve essere presentata qualora il freelance (esempio, un traduttore o un web editoer) abbia maturato crediti per 2000 euro, a titolo di prestazione occasionale con un cliente estero (società Pinco Pallo).
A fine lavoro commissionato deve essere emessa la nota di collaborazione al lordo della ritenuta stessa nel modo seguente:

 

Maria Rossi
Via Buenos Aires, 1
20121 Milano (MI)
Tel. 02 XXXXXXX
Codice Fiscale

Spett.le Società Pinco Pallo
Indirizzo
Partita IVA e altri rif. fiscali XXXXXXXXXX

Nota n. … del 31/12/2017

Io sottoscritta Maria Rossi, nata a ________ il __________ e residente a ________

in via ________________________ al n. ________________________

richiedo la somma di € 2000,00 (importo al lordo delle imposte) quale compenso per prestazione occasionale per il lavoro di _________________ eseguito nel periodo ____________

Compenso lordo 2000 euro
Netto a pagare 2000 euro

La prestazione é occasionale, da inquadrare tra i redditi di cui all’art. 81 comma 1, lettera L, del D.P.R. 917/86, quindi esclusa dal campo di applicazione dell’I.V.A. secondo quanto previsto dell’art. 5 del D.P.R. n. 633 del 26 ottobre 1972 e successive modifiche.

Pagamento da effettuarsi a mezzo bonifico:
Istituto di credito:________________________
IBAN:_________________________________
Conto intestato a:________________________

Data e Firma

Per informazioni, dubbi o chiarimenti sull’argomento ” Prestazione occasionale verso soggetti esteri ” potrete commentare l’articolo oppure acquistare una consulenza personalizzata, che vi permetterà di avere un parere scritto direttamente dal Dott. Vincenzo Romano, esperto di fiscalità del web.




Scrivere articoli e guide richiede moltissimo impegno. Aiutaci a condividere questo post: a te non costa nulla, per noi è importantissimo! Condividi su Facebook l'articolo appena letto. Grazie per aver letto l'articolo fino alla fine. SCR News mette a disposizione notizie sul mondo del Fisco e Leggi, Economia, Finanza, Trading e guide di natura contabile fiscale. Rimani aggiornato diventando un FAN della nostra pagina facebook.


Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

51 Comments

  1. sara 27/02/2020

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.