Vita da imprenditori: l’obbligo di tenuta delle scritture contabili

La vita delle imprese è vita dinamica: impone ad ogni passo scelte e valutazione economiche; si sviluppa attraverso una serie continua di atti di scambio che modificano continuamente la consistenza quantitativa e la composizione qualitativa del patrimonio dell’imprenditore.

Informazione contabile e monitoraggio della gestione aziendale

La programmazione consapevole e razionale dell’attività dell’impresa presuppone una costante informazione ed un costante controllo anche in termini quantitativi e monetari sull’andamento degli affari; informazione e controllo che sono facilitati dall’impianto di un ordinato sistema di rilevazione contabile dei fatti aziendali.

È regola razionale di condotta delle imprese accertare periodicamente la consistenza quantitativa e monetaria del patrimonio (attività e passività), nonché i costi sopportati ed i ricavi realizzati nel medesimo periodo al fine di verificare se e quale sia l’utile conseguito o la perdita subita.

Impresa: il ruolo delle scritture contabili

Le scritture contabili sono documenti che contengono la rappresentazione, in termini quantitativi e/o monetari, dei singoli atti di impresa della situazione patrimoniale dell’imprenditore e del risultato economico dell’attività svolta.


Le scritture contabili contribuiscono a rendere razionale ed efficiente l’organizzazione e la gestione dell’impresa e sono, di regola, spontaneamente tenute da qualsiasi imprenditore. La tenuta delle scritture contabili è elevata ad obbligo ed è legislativamente disciplinata per gli imprenditori che esercitano attività commerciale (articolo 2214 c.c.). L’articolo 2214 Codice civile recita: “Articolo 2214. L’imprenditore che esercita un’attività commerciale (2195) deve tenere il libro giornale e il libro degli inventari.

Deve altresì tenere le altre scritture contabili che siano richieste dalla natura e dalle dimensioni dell’impresa (att. 200) e conservare ordinatamente per ciascun affare gli originali delle lettere, dei telegrammi e delle fatture ricevute, nonché le copie delle lettere, dei telegrammi e delle fatture spedite (2709 e seguenti).

Le disposizioni di questo paragrafo non si applicano ai piccoli imprenditori (2083).” In capo all’imprenditore incombe l’obbligo di tenere i libri contabili, i quali possono fare prova a suo favore solo se tenuti in maniera regolare e completa.

Disciplina scritture contabili: applicazione ed interpretazioni normative

La disciplina delle scritture contabili prevista dal codice civile non si applica ai piccoli imprenditori (articolo 2214, terzo comma) e, quindi, anche ai più piccoli imprenditori che esercitano attività commerciale. Inoltre, le società commerciali (tutte tranne la società semplice) devono ritenersi obbligate alla tenuta delle scritture contabili anche se non esercitano attività commerciale. In effetti, il punto non è del tutto pacifico: gli articoli 2302, 2421, 2423 e 2478 c.c. impongono a tali società la tenuta delle scritture contabili e la redazione del bilancio di esercizio, senza distinguere tra società con oggetto commerciale e le società con oggetto non commerciale.

Altro punto controverso è se l’obbligo civilistico di tenuta delle scritture contabili gravi sugli enti pubblici e sugli enti di diritto privato diversi dalle società che espletano attività commerciale in via secondaria ed accessoria, sia pure limitatamente all’attività commerciale esercitata. La soluzione affermativa discende in tema di sottoposizione di tali enti allo statuto dell’imprenditore commerciale. L’obbligo di tenere le scritture contabile è, infine, espressamente previsto per le organizzazioni che assumono la qualifica di “impresa sociale” (articolo 10, Decreto legislativo 23/03/2006, n.155), indipendentemente, dalla natura commerciale o agricola dell’attività esercitata.



SumUp Fai crescere il tuo business accettando pagamenti con carta con il nuovo lettore di carte SumUp! Nessun abbonamento! Nessun costo Fisso. CLICCA QUI e scopri il POS mobile SumUp, quale soluzione più economica! Il lettore di carte senza banca offre vantaggi economici da non sottovalutare

Scrivere articoli e guide richiede moltissimo impegno. Aiutaci a condividere questo post: a te non costa nulla, per noi è importantissimo! Condividi su Facebook l'articolo appena letto. Grazie per aver letto l'articolo fino alla fine. SCR News mette a disposizione notizie sul mondo del Fisco e Leggi, Economia, Finanza, Trading e guide di natura contabile fiscale. Rimani aggiornato diventando un FAN della nostra pagina facebook.


Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.