Il sistema di Interscambio (SdI) cos’è e come funziona

La digitalizzazione dei processi non può considerarsi una moda passeggera ma una tendenza irreversibile che riguarda tanto le aziende private quanto la Pubblica Amministrazione. In questa direzione il Legislatore ha previsto nel D.Lgs. 127/2015 delle agevolazioni per chi esercita l’opzione di inviare telematicamente all’ Agenzia delle Entrate le fatture registrate in contabilità e con il D.L. 193/2016 ha introdotto nuovi adempimenti di comunicazione telematica dei dati IVA ovvero l’invio mediante il Sistema di Interscambio (SdI) dello spesometro trimestrale e le liquidazioni periodiche IVA .

Se da un lato, con finalità di contrasto all’evasione, si prospettano degli ulteriori obblighi per i soggetti passivi IVA, che devono comunicare trimestralmente i dati:

  • delle fatture emesse e di quelle ricevute, delle bolle doganali e delle note di variazione (spesometro trimestrale);
  • delle liquidazioni periodiche IVA;

d’altro lato, nella prospettiva di automatizzare i processi che coinvolgono i vari attori del sistema economico, si incentiva l’adozione della fatturazione elettronica (PA e B2B).

A testimonianza dello scenario di evoluzione digitale in cui si collocano le nuove disposizioni, per i costi di adeguamento tecnologico necessario al rispetto degli obblighi di comunicazione telematica dei dati IVA, ai soggetti che nell’anno precedente a quello di sostenimento di questi costi hanno realizzato un volume d’affari pari o inferiore a 50.000 euro, è riconosciuto un credito d’imposta di 100 euro una tantum.

Il Sistema di Interscambio, che abbiamo imparato a conoscere per la fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione ( ovvero il sistema informatico che riceve le fatture e le inoltra agli enti destinatari) assume oggi un ruolo fondamentale nella gestione dei nuovi adempimenti IVA e, in prospettiva, della fatturazione elettronica anche tra privati.

La norma prevede infatti che le comunicazioni delle liquidazioni periodiche IVA, a partire dal 31 maggio 2017, e dello spesometro trimestrale, a partire dal 18 settembre 2017, si possano inviare telematicamente all’Agenzia delle Entrate attraverso due canali di trasmissione:

  • il sito Fatture e Corrispettivi dell’Agenzia delle Entrate, autenticandosi con le credenziali Entratel o Fisconline, la CNS abilitata ai servizi telematici o le credenziali Spid, ed effettuando il caricamento manuale dei file;
  • lo SdI, avvalendosi di un sistema automatizzato di trasmissione, proprio o di terzi, che sia accreditato.

Inoltre, relativamente all’esercizio dell’opzione prevista dal D.Lgs. 127/2015 per l’invio telematico all’ Agenzia delle Entrate dei dati di tutte le fatture, che implica i benefici dei rimborsi IVA prioritari e della riduzione dei termini per gli accertamento fiscali, si legge nelle disposizioni normative che i contribuenti che utilizzeranno lo SdI per scambiare le fatture elettroniche con i propri clienti e fornitori verranno esonerati dall’adempimento di trasmissione dei dati delle fatture (in questa modalità l’Agenzia delle Entrate, in qualità di gestore del sistema, può infatti accedervi direttamente).

Vuoi un servizio di Fatturazione Elettronica al costo di 25,00 euro + iva ? Richiedendo questo servizio potrai accedere alla piattaforma, caricare le tue fatture e inviarle alla PA in pochi semplici click. Semplice: Nessun software da installare ma un facile accesso ad un’interfaccia web, Conveniente: 1GB di spazio per emettere, inviare e conservare oltre 100.000 fatture,Sicuro: Conservazione digitale a norma, in linea con le disposizioni normative vigenti

✔Acquista adesso il servizio. Clicca Qui✔



Scrivere articoli e guide richiede moltissimo impegno. Aiutaci a condividere questo post: a te non costa nulla, per noi è importantissimo! Condividi su Facebook l'articolo appena letto. Grazie per aver letto l'articolo fino alla fine. SCR News mette a disposizione notizie sul mondo del Fisco e Leggi, Economia, Finanza, Trading e guide di natura contabile fiscale. Rimani aggiornato diventando un FAN della nostra pagina facebook.


Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.