Cos’è la visura camerale della Camera di commercio: esempio di Visura Ordinaria e storica

Per esercitare un’attività economica sotto forma di impresa (individuale o societaria) in Italia è necessaria l’iscrizione al Registro delle Imprese tenuto presso la Camera di Commercio della provincia ove ha sede l’azienda. L’iscrizione è cogente, garantisce l’effettiva esistenza dell’impresa nonché la pubblicità legale di tutti gli atti che la concernono e consente ai cittadini di ottenere informazioni specifiche attraverso la visura camerale.

Visura camerale: cos’è e dove reperirla

La visura camerale è un documento ufficiale rilasciato dalla Camera di Commercio, dell’Industria, Artigianato ed agricoltura, contiene tutte le informazioni legate ad un’impresa iscritta al Registro delle imprese come la data della sua costituzione, la composizione dei soci e gli indirizzi legali. La visura camerale è un documento ufficiale ma senza validità di certificato e può essere richiesto in ogni ufficio dell’ente camerale oppure on line come sul nostro sito nella sezione Servizi Aziendali. La visura è un documento informativo con tutti i dettagli riguardanti un’azienda iscritta presso la Camera di Commercio: sono riportati aspetti legali e anagrafici dell’impresa, la denominazione, la forma giuridica, la sede legale, il codice fiscale, il tipo di attività svolta e altri elementi relativi agli organi di amministrazione e alle cariche sociali.

Visura camerale: come ottenerla

Per ottenere una visura camerale è possibile recarsi presso la Camera di Commercio della propria provincia, oppure richiederla agli operatori professionali abilitati che hanno contrattualmente accesso alle banche dati del circuito camerale. L’elenco di tali operatori è tenuto presso Infocamere, società che gestisce il sistema telematico collegando fra loro tutte le Camere di Commercio italiane. Solitamente si tratta di operatori inseriti all’interno di un elenco pubblico, che potete consultare collegandosi al sito di InfoCamere. Grazie a questo servizio, oltre alle visure camerali, potete anche capire se un’azienda con la quale intende avere a che fare, è affidabile o meno.

Per richiedere una visura camerale sarà sufficiente recarsi presso uno di questi enti con la ragione sociale e il codice fiscale dell’impresa, nel caso delle imprese individuali, oppure della partita IVA per le società di capitali. Dal momento in cui si richiede un certificato camerale al momento in cui viene emesso, il tempo di evasione di una visura camerale è immediato, sia che si tratti di una visura camerale telematica, in formato PDF, che nel caso in cui ci si rechi presso uno degli uffici preposti.

Visura camerale: vantaggi e costi

Per ottenere una visura camerale è possibile accedere alle banche dati anche online, attraverso il comodo servizio predisposto da RegistroImprese.it; per alcuni tipi di ricerca il servizio è gratuito, per altri invece è necessaria la registrazione e il pagamento che varia in base al tipo di richiesta.

Avere accesso alla visura camerale garantisce ai cittadini e alle aziende stesse di ottenere informazioni utili per verificare l’esistenza di un’impresa e valutarne il grado di affidabilità: si tratta di conoscere aspetti rilevanti della struttura, dell’organizzazione e della vita d’impresa quali la composizione sociale di un’azienda (i soci), gli amministratori e le cariche sociali ricoperte. Inoltre, la visura fornisce le indicazioni relative al capitale, agli eventuali trasferimenti d’azienda, alle operazioni straordinarie della vita d’impresa quali fusioni o scissioni. Ciò consente di valutare con oculatezza le proprie scelte di collaborazione, investimento o acquisto del bene aziendale.

Visura camerale: tipologie

La visura camerale può essere di due tipologie: ordinaria o storica: quella ordinaria fornisce un quadro sulla situazione attuale di un’impresa o un’azienda, riporta le informazioni legali attuali, quella storica, invece, consente al cittadino o ad ogni altro stakeholder di conoscere le notizie sulle vicende pregresse nella vita aziendale dalla fase di costituzione al momento in cui si richiede la visura.

Visura camerale Ordinaria e Storica

La visura camerale Ordinaria riporta le informazioni legali dell’impresa e le principali informazioni di natura economica ed amministrativa tra cui: dati anagrafici, codice fiscale, natura giuridica, data di costituzione, attività svolta, cariche amministrative, organi sociali, unità locali. La Visura camerale Storica contiene tutte le informazioni dalle sue origini, ovvero dal momento della sua costituzione e fornisce un quadro completo ed aggiornato su struttura, caratteristiche e storia dell’impresa con evidenza delle variazioni intervenute nel tempo. Una visura camerale, sia essa ordinaria o storica, ha una validità di circa 6 mesi, a partire dalla data del rilascio. Per quanto concerne gli esempi, ecco una VISURA CAMERALE ORDINARIA e una VISURA CAMERALE STORICA.



Scrivere articoli e guide richiede moltissimo impegno. Aiutaci a condividere questo post: a te non costa nulla, per noi è importantissimo! Condividi su Facebook l'articolo appena letto. Grazie per aver letto l'articolo fino alla fine. SCR News mette a disposizione notizie sul mondo del Fisco e Leggi, Economia, Finanza, Trading e guide di natura contabile fiscale. Rimani aggiornato diventando un FAN della nostra pagina facebook.


Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.