Modello 730/2017: mini guida ai Bonus e nuove detrazioni

Il modello 730/2017 pubblicato in bozza dall’Agenzia delle Entrate conferisce la possibilità di beneficiare dei bonus e di nuove detrazioni da inserire nella dichiarazione dei redditi. Molte le novità che concernono la compilazione della dichiarazione dei redditi per quest’anno: nuovi anche i termini e le scadenze. L’Agenzia delle Entrate pubblicherà online le dichiarazioni già a partire dal 15 aprile 2017 e i contribuenti che si avvarranno della presentazione autonoma del modello 730/2017 lo potranno fare entro il 23 luglio 2017; per Caf ed intermediari abilitati la scadenza è fissata invece al 7 luglio. Dunque, l’invio del 730 quest’anno non sarà sottoposto al solito “tira e molla” di rinvii e scadenze prorogate. Da quest’anno diventa difatti strutturale la nuova scadenza prevista per l’invio da parte dei contribuenti.

Oltre alle novità che concernono le scadenze, importanti sono i nuovi Bonus e le detrazioni fiscali che i contribuenti italiani possono far valere con il modello 730/2017. Tra le novità si deve segnalare quella relativa al Bonus premio produttività che l’applicazione di un’aliquota agevolata al 10% per i pagamenti in denaro contante e l’esenzione d’imposta per coloro che decidono di impiegare l’importo in misure di welfare aziendale. La tassazione agevolata per i dipendenti del settore privato che percepiscono premi di risultato d’importo deve non essere superiore a 2.000 euro o a 2.500 euro se l’azienda coinvolge pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione del lavoro. Un’altra rilevante novità è lo School Bonus, che consente ai contribuenti di fruire di una detrazione d’imposta in favore coloro che concedono elargizioni liberali In favore di istituti scolastici. Verrà riconosciuto un credito d’imposta del 65% per le erogazioni liberali concesse dai contribuenti nei confronti degli istituti scolastici nazionali entro il limite massimo di 100.000 euro ed effettuate nel corso dell’anno 2016.

A partire dall’anno 2016, per effetto delle novità inserite con la legge “Dopo di Noi”, è stato previsto che l’importo detraibile con modello 730/2017 per le assicurazioni sulla vita finalizzate a coprire il rischio di decesso e tutelare le persone con disabilità è salito a 750 euro. Con il modello 730/2017 può essere portato a detrazione il costo sostenuto dalle famiglie italiane per l’acquisto di mobili. Si tratta, in particolare, del bonus mobili per giovani coppie, non prorogato per il 2017: per le giovani coppie, ovvero i contribuenti di età inferiore ai 35 anni che tra il 2015 e il 2016 hanno acquistato una nuova abitazione ad uso residenziale, possono beneficiare di una detrazione pari al 50% e nel limite di 16.000 euro di spesa. La detrazione viene ripartita in 10 anni.

Inoltre, sempre in ambito domestico, le coppie che hanno acquistato una casa rientrante nelle categorie catastali A o B possono portare in detrazione con il modello 730/2017 il 50% dell’Iva versata nel 2016 ed è prevista la detrazione per 19% per i canoni di leasing corrisposti nell’anno 2016. La detrazione prevista per i canoni di leasing non può eccedere gli 8.000 euro per i giovani fino a 35 anni e di 4.000 euro in caso di età superiore ai 35 anni; inoltre, sono ammessi alla detrazione esclusivamente i contribuenti con reddito non superiore a 55.000 euro annui. L’agevolazione spetta anche se nel 2016 sono stati pagati i prezzi di riscatto: in tal caso il prezzo del riscatto non può essere superiore ai 20.000 euro se si aveva meno di 35 anni, ai 10.000 euro se si aveva 35 anni o più.

È riconosciuta la detrazione del 65% delle spese sostenute nell’anno 2016 per l’acquisto, installazione e messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento e/o produzione acqua calda e/o climatizzazione delle unità abitative. Per quanto concerne le ulteriori detrazioni previste con modello 730/2017, si tratta di misure previste dalla Legge di Bilancio 2017, tra cui gli importi relativi alle spese scolastiche alle quali si applica la detrazione d’imposta del 19%.



Scrivere articoli e guide richiede moltissimo impegno. Aiutaci a condividere questo post: a te non costa nulla, per noi è importantissimo! Condividi su Facebook l'articolo appena letto. Grazie per aver letto l'articolo fino alla fine. SCR News mette a disposizione notizie sul mondo del Fisco e Leggi, Economia, Finanza, Trading e guide di natura contabile fiscale. Rimani aggiornato diventando un FAN della nostra pagina facebook.


Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.