Assegno nucleo familiare 2017: ecco la guida completa

Per l’anno 2017 restano invariati gli importi degli assegni familiari, anche per quanto concerne le famiglie numerose e maternità: l’INPS, con la circolare n. 55 dell’8 marzo 2017 ha pubblicato l’aggiornamento degli importi degli assegni per nucleo familiare, venendo a riconfermare le fasce reddituali e gli importi dell’assegno al nucleo familiare dell’anno precedente. Essa recita così “La variazione nella media 2016 dell’indice ISTAT  dei  prezzi  al consumo per le famiglie di  operai  e  impiegati,  calcolato  con  le esclusioni di cui alla legge 5 febbraio 1992, n.  81,  da  applicarsi per l’anno 2017 ai sensi dell’art.  13,  comma  4,  del  decreto  del Presidente del  Consiglio  dei  ministri  5  dicembre  2013,  n.  159 (assegno al nucleo familiare numeroso e  assegno  di  maternità)  è pari a – 0,1  per  cento  (Comunicato  ufficiale  dell’ISTAT  del  16 gennaio 2017). 

L’art. 1, comma  287  della  legge  28  dicembre  2015,  n.  208, stabilisce che «con  riferimento  alle  prestazioni  previdenziali  e assistenziali e ai parametri ad  esse  connessi,  la  percentuale  di adeguamento  corrispondente  alla   variazione   che   si   determina rapportando il valore medio dell’indice ISTAT dei prezzi  al  consumo per famiglie di operai ed impiegati, relativo all’anno precedente  il mese  di  decorrenza  dell’adeguamento,  all’analogo   valore   medio relativo all’anno precedente non può essere inferiore a zero».


Ecco la guida completa per l’anno 2017 agli assegni per il nucleo familiare: ecco tutto quello che occorre conoscere. Gli assegni familiari sono una prestazione a sostegno delle famiglie di alcune categorie di lavoratori italiani, comunitari ed extracomunitari residenti nel territorio italiano, il cui nucleo familiare abbia un reddito complessivo al di sotto dei limiti stabiliti annualmente dalla legge. Spetta un assegno per ogni familiare vivente a carico ed è considerato tale “il familiare che abbia redditi personali mensili non superiori ad un determinato importo stabilito dalla legge e rivalutato annualmente”.

I familiari per i quali si possono richiedere ed ottenere gli assegni sono:

  • il coniuge, anche se legalmente separato purché sia a carico, solo se il richiedente è titolare di pensione a carico delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi;
  • i figli o equiparati anche se non conviventi: di età inferiore a 18 anni, apprendisti o studenti di scuola media inferiore (fino a 21 anni), universitari (fino a 26 anni e nel limite del corso legale di laurea), inabili al lavoro (senza limiti di età);
  • i fratelli, le sorelle e i nipoti, conviventi di età inferiore a 18 anni, apprendisti o studenti di scuola media inferiore (fino a 21 anni), universitari (fino a 26 anni e nel limite del corso legale di laurea), inabili al lavoro (senza limiti di età);
  • gli ascendenti (genitori, nonni, ecc..) ed equiparati, solo se il richiedente è piccolo coltivatore diretto;
  • i familiari di cittadini stranieri residenti in Paesi con i quali esista una convenzione internazionale in materia di trattamenti di famiglia.

Come presentare la domanda? La domanda deve essere presentata esclusivamente all’INPS con modalità telematica, attraverso uno dei seguenti canali:

  • via WEB – servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino munito di PIN attraverso il portale dell’Istituto – servizio di “Invio OnLine di Domande di prestazioni a Sostegno del reddito”;
  • Contact Center – attraverso il numero 803164 gratuito da rete fissa o il numero 06164164 da rete mobile a pagamento;
  • Patronati – attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi;

Se la domanda venisse presentata dopo l’insorgenza del diritto, gli arretrati spettanti verrebbero corrisposti nel limite massimo dei 5 anni precedenti. Chi ha diritto a percepire l’assegno per nucleo familiare 2017 dovrà presentare nuovamente ai propri datori di lavoro o all’INPS i nuovi modelli di richiesta con l’aggiornamento di tutti i redditi percepiti dalla famiglia e di quelli già dichiarati tramite la CU o la dichiarazione dei redditi. Per quanto concerne le tabelle relative all’importo dell’assegno per il nucleo familiare, nuovi livelli reddituali per il periodo 1° luglio 2016 -30 giugno 2017, si deve fare riferimento alla Circolare Inps del 27 maggio 2016 n. 92.



SumUp Fai crescere il tuo business accettando pagamenti con carta con il nuovo lettore di carte SumUp! Nessun abbonamento! Nessun costo Fisso. CLICCA QUI e scopri il POS mobile SumUp, quale soluzione più economica! Il lettore di carte senza banca offre vantaggi economici da non sottovalutare

Scrivere articoli e guide richiede moltissimo impegno. Aiutaci a condividere questo post: a te non costa nulla, per noi è importantissimo! Condividi su Facebook l'articolo appena letto. Grazie per aver letto l'articolo fino alla fine. SCR News mette a disposizione notizie sul mondo del Fisco e Leggi, Economia, Finanza, Trading e guide di natura contabile fiscale. Rimani aggiornato diventando un FAN della nostra pagina facebook.


Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.