Quando si applica la marca da bollo sulle fatture emesse

La marca da bollo è un tributo, è un tipo di carta-valori simile a un francobollo, usato come strumento di pagamento per la convalida di atti e documenti pubblici (quali atti notarili, dichiarazioni, passaporti, etc.) e va applicata esclusivamente per le fatture emesse senza l’addebito dell’Iva. In Italia le marche da bollo sono utilizzate fin dall’anno 1863 e vengono vendute generalmente nelle tabaccherie o in esercizi pubblici autorizzati.

Dal 2005 alle marche da bollo tradizionali sono stati affiancati i contrassegni telematici autoadesivi, rilasciati per via telematica dall’Agenzia delle Entrate e stampati presso i punti di rivendita al momento della richiesta del cliente. Dall’anno 2007 tali contrassegni hanno sostituito in maniera definitiva le marche da bollo rendendole fuori corso: per alcuni atti pubblici, come i certificati anagrafici cumulativi, la marca da bollo è stata surrogata da un timbro, il quale attesta il pagamento in contanti dell’importo direttamente al soggetto emittente l’atto. Il 19 settembre 2014 è stata battezzata definitivamente la marca da bollo digitale, emessa elettronicamente attraverso siti web connessi all’Agenzia delle Entrate.

Il meccanismo di funzionamento generale dell’apposizione della marca da bollo sulle fatture è il seguente:

  • sulle fatture con importi superiori ad € 77.47 la marca da bollo va applicata sia se sono in formato cartaceo che in formato elettronico,
  • sulle fatture con importi inferiori a € 77.47 la marca da bollo non va mai applicata,
  • se le fatture presentano contemporaneamente importi soggetti ad IVA ed importi non soggetti, la marca da bollo va applicata solo qualora gli importi non soggetti ad IVA siano superiori a € 77.47.

Quando deve essere apposta sulle fatture di importo superiore a € 77,47, l’importo della marca da bollo è di € 2.00. Oltre a questa regola generale, ci sono molte casistiche “discostanti” e specifiche rispetto alla regola generale. Iniziamo dai casi in un cui non è necessario apporre la marca da bollo.


Sono sempre esenti dalla marca da bollo:

  • le fatture, note di credito e addebito e documenti simili che concernono operazioni soggette ad IVA;
  • le fatture riguardanti operazioni non imponibili relative ad esportazioni di merci (art. 8 lett. a) e b) DPR 633/1972 ed a cessioni intracomunitarie di beni (art. 41, 42 e 58 DL 331/1993);
  • fatture soggette al “reverse charge” o inversione contabile (art. 17, comma 6 lett. a), a-bis) e a-ter) DPR 633/1972) e cessione dei rottami (art. 74 comma 7 e 8 DPR 633/1972).

Sono soggette alla disciplina della marca da bollo tutte le fatture di importo superiore ad € 77.47 che abbiano ad oggetto:

  • operazioni fuori campo IVA per mancanza del presupposto soggettivo o oggettivo (art. 2, 3, 4 e 5 DPR 633/1972), territoriale (art. da 7 a 7-septies DPR 633/1972);
  • operazioni escluse dalla base imponibile dell’IVA (art. 15 DPR 633/1972);
  • operazioni esenti da IVA (art. 10 DPR 633/1972);
  • operazioni non imponibili perché espletate in operazioni assimilate alle esportazioni, servizi internazionali e connessi agli scambi internazionali, cessioni ad esportatori abituali (esportazioni indirette art. 8 lett. c) DPR 633/1972);
  • operazioni effettuate dai soggetti passivi che usufruiscono del nuovo regime dei minimi e del regime forfettario.

La marca da bollo sulla fattura è a carico del soggetto debitore come previsto dall’art. 1199 codice civile, sebbene per il pagamento dell’imposta e per eventuali sanzioni amministrative siano obbligatamente solidali entrambe le parti: chi emette la fattura e chi la riceve. Se nella fattura manca la marca da bollo, chi la riceve è esente da responsabilità solo se la presenta entro 15 giorni all’Agenzia delle Entrate e provvede ad adempiere al pagamento della sola imposta. In questo caso la sanzione colpisce solo chi era responsabile nell’applicare l’imposta. La marca da bollo deve essere apposta sulla copia originale della fattura consegnata al cliente. Sulle copie sarà necessario riportare la dicitura “imposta di bollo assolta sull’originale”.

Per quanto concerne le sanzioni derivanti dall’omissione della marca da bollo e l’apposizione con data posteriore a quella della fattura, è prevista una sanzione amministrativa, per ogni singola fattura irregolare, di importo pari al doppio o al quintuplo dell’imposta o della maggiore imposta evasa. La marca da bollo è deducibile o detraibile ai fini IRPEF. La marca da bollo sulle fatture cartacee va assolta tramite l’acquisto e l’apposizione del contrassegno telematico acquistato presso una ricevitoria o tabacchino. Per le fatture elettroniche la marca da bollo va assolta in modo virtuale mediante il versamento con il modello F24. I contribuenti che assolvono in maniera virtuale la marca da bollo sulle fatture elettroniche, sono tenuti a versarla entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio, cioè entro e non oltre il 30 aprile dell’anno successivo d’imposta. Le copie conformi delle fatture rilasciate per causa di smarrimento dell’originale, seguono il medesimo trattamento fiscale ai fini dell’apposizione della marca da bollo prevista per le fatture originali.



INSERISCI LA TUA MAIL PER RICEVERE GRATIS CONSIGLI E STRATEGIE FISCALI

* indicates required
Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03

✍ Affiliazioni, Web Marketing, Infoprodotti, Pubblicità Online su blog e siti web, prestazioni occasionali, fatture estere, tanti argomenti con un’unica problematica, il FISCO! Non perdere tempo ⌛ leggi l’ebook per essere al 100% sicuro che non stai commettendo errori, che potrebbero costarti caro! ☚ Clicca Qui!!

Hai dei dubbi sul Fisco? Non sai se stai tenendo un comportamento fiscalmente corretto? Vuoi evitare pesanti sanzioni? Chiedi al Dott. Vincenzo Romano - Commercialista Abilitato CLICCA QUI E SCOPRI COME AVERE UNA CONSULENZA PERSONALIZZATA IN MENO DI 24 ORE

EVITA LE CODE AGLI SPORTELLI: SCARICA VISURE CAMERALI E DOCUMENTI IN POCHI SECONDI!  TUTTE LE VISURE ONLINE · APERTI 7 GIORNI SU 7 · NUMERO VERDE GRATUITO · VISURE IN TEMPO REALE!  CLICCA QUI E RICEVI MAGGIORI INFORMAZIONI SUL SERVIZIO 

Scrivere articoli e guide richiede moltissimo impegno. Aiutaci a condividere questo post: a te non costa nulla, per noi è importantissimo! Condividi su Facebook l'articolo appena letto. Grazie per aver letto l'articolo fino alla fine. SCR News mette a disposizione notizie sul mondo del Fisco e Leggi, Economia, Finanza, Trading e guide di natura contabile fiscale. Rimani aggiornato diventando un FAN della nostra pagina facebook.


Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

3 Comments

  1. Giovanni 24/06/2017
  2. Vincenzo Romano 24/06/2017
  3. Giovanni 25/06/2017

Leave a Reply