INPS: Miniguida utile per riscattare la laurea

Il riscatto della nostra tanto faticata laurea consiste nel convertire gli anni trascorsi sui banchi dell’Università in anni utili e computabili per l’anzianità contributiva che, sommati a quelli maturati durante la vita professionale, permettono di andare in pensione prima. Per poter avanzare la domanda di riscatto è necessario aver effettivamente conseguito il diploma di laurea triennale e/o magistrale: la copertura contributiva non è accordata dall’INPS se l’interessato, pur avendo seguito gli studi universitari, non abbia poi conseguito il titolo di Dottore e/o Dottore Magistrale. Il riscatto, inoltre, si riferisce agli anni accademici in cui si è effettivamente svolto il corso legale di laurea, con esclusione degli anni durante i quali l’interessato è rimasto “fuori corso”, e può essere richiesto anche con riferimento a singoli anni del corso di laurea. Non è possibile ottenere il riscatto se durante gli studi universitari è stata svolta un’attività lavorativa e se si è stati quindi già assicurati.

Si possono riscattare:

·      i diplomi universitari (corsi di durata non inferiore a due anni e non superiore a tre);

·      i diplomi di laurea (corsi di durata non inferiore a quattro e non superiore a sei anni);

·      i diplomi di specializzazione che si conseguono successivamente alla Laurea ed al termine di un corso di durata non inferiore a due anni;

·      i dottorati di ricerca i cui corsi sono regolati da specifiche disposizioni di legge;

·      i titoli accademici introdotti dal decreto n.509 del 3 novembre 1999 cioè: Laurea (L), al termine di un corso di durata triennale e Laurea specialistica (LS), al termine di un corso di durata biennale cui si accede con la laurea.

E’ ammesso il riscatto del corso legale di laurea a condizione che l’interessato abbia conseguito il titolo di studio. Sono esclusi dalla possibilità di riscatto:

·      i periodi di iscrizione fuori corso;

·      i periodi già coperti da contribuzione obbligatoria o figurativa o da riscatto che sia non solo presso il fondo cui è diretta la domanda stessa ma anche negli altri regimi previdenziali richiamati dall’art.2, comma 1, del D. Lgs. n.184 del 30/04/1997 (Fondo pensioni lavoratori dipendenti e gestioni speciali del Fondo stesso per i lavoratori autonomi e fondi sostitutivi ed esclusivi dell’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia ed i superstiti e gestione di cui all’articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335).

Per quanto concerne le condizioni di riscatto, è importante che il soggetto richiedente abbia conseguito il diploma di laurea e titoli accademici equipollenti, i periodi per i quali viene richiesto il riscatto non siano coperti da contribuzione obbligatoria o figurativa o da riscatto non solo presso il fondo cui è diretta la domanda stessa ma anche negli altri regimi previdenziali richiamati dall’art.2, comma 1, del D. Lgs. n.184 del 30/04/1997. Inoltre, è importante per richiedere il riscatto della laurea che il soggetto sia titolare di contribuzione nell’ordinamento pensionistico in cui viene richiesto il riscatto.

Rilevante è l’appunto per i soggetti inoccupati ovvero per coloro che non risultino essere stati mai iscritti ad alcuna forma obbligatoria di previdenza, inclusa la Gestione Separata, e che non abbiano iniziato l’attività lavorativa, in Italia o all’estero. Secondo la circolare n.29 pubblicata in data 11 marzo 2008 è data facoltà di esercitare il diritto di riscatto della laurea per coloro che sono inoccupati: l’onere dei periodi da riscatto è costituito dal versamento di un contributo, per ogni anno da riscattare, pari al livello minimo imponibile annuo degli artigiani e commercianti moltiplicato per l’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche dell’assicurazione generale obbligatoria.

Per presentare la domanda di riscatto: il cittadino, dopo essersi dotato di PIN, deve presentare la domanda di riscatto laurea tramite accesso telematico nella sezione blu dei Servizi Online attraverso il seguente percorso: www.inps.it > Per tipologia di utente > Cittadino > Riscatto di laurea. Il pagamento dell’onere di riscatto si effettua utilizzando gli appositi bollettini MAV inviati dall’INPS con il provvedimento di accoglimento. I bollettini possono essere pagati presso qualsiasi sportello bancario senza costi aggiuntivi e presso tutti gli uffici postali, pagando la commissione postale vigente. E’ possibile stampare i bollettini MAV direttamente dal sito seguendo il seguente percorso: www.inps.it –> Portale dei Pagamenti –> riscatti ricongiunzioni e rendite. Si ricorda infine che è possibile, comunicando il numero della pratica e il codice fiscale, effettuare il pagamento anche con le seguenti modalità:

·      rivolgendosi ai soggetti aderenti al circuito “Reti Amiche”:

·      le tabaccherie che aderiscono al circuito Reti Amiche;

·      gli sportelli bancari di Unicredit Spa (con pagamento in contanti per tutti gli utenti o, per i correntisti Unicredit, anche a debito sul conto corrente bancario);

·      tramite il sito Internet Unicredit Spa per i clienti titolari del servizio Banca online;

·      on line sul sito Internet www.inps.it –> Portale dei Pagamenti –> riscatti ricongiunzioni e rendite, utilizzando la carta di credito per perfezionare il pagamento;

·      tramite il contact center al numero 803164 gratuito da rete fissa oppure al numero 06164164 da cellulare a pagamento secondo la tariffa prevista dal proprio gestore telefonico (con carta di credito).



Scrivere articoli e guide richiede moltissimo impegno. Aiutaci a condividere questo post: a te non costa nulla, per noi è importantissimo! Condividi su Facebook l'articolo appena letto. Grazie per aver letto l'articolo fino alla fine. SCR News mette a disposizione notizie sul mondo del Fisco e Leggi, Economia, Finanza, Trading e guide di natura contabile fiscale. Rimani aggiornato diventando un FAN della nostra pagina facebook.


Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.