Codice fiscale come si calcola e come si legge

Il codice Fiscale è un codice identificativo UNIVOCO, che serve allo Stato italiano per identificare un soggetto sia a livello fiscale che a livello amministrativo. Vediamo come il codice fiscale viene calcolato e come saperlo leggere ed interpretare.

E’ un codice alfanumerico di 16 caratteri per le persone fisiche e 11 per le persone giuridiche (società, enti).

Metodologia di calcolo del Codice Fiscale e metodi per capire come si legge il codice fiscale

Scomponiamo il codice fiscale in 7 parti. Esempio di calcolo del Signor  Rossi Mario nato il 10 luglio 1980 a Siderno (RC) avrà questo codice fiscale:

Ora analizziamo tutti i punti del codice fiscale:

  1. La prima parte riporta, in ordine, le tre consonanti del cognome, e nel caso non fossero sufficienti, verrebbero prese le vocali. In presenza di cognome troppo corto , esempio di due lettere, viene utilizzata la lettera X posta alla fine di ogni sequenza;
  2.  La seconda parte è quella relativa al nome del soggetto e valgono le stesse regole dettate per il cognome, verranno introdotte anche le vocali nel caso di insufficienza di consonanti e la lettera X alla fine, nel caso di nome troppo corto;
  3. Viene indicato il decennio dell’anno di nascita;
  4. Viene indicato il mese di nascita. Ogni mese corrisponde ad una lettera dell’alfabeto, ovvero: A per Gennaio, B per Febbraio, C per Marzo, D per Aprile, E per Maggio, H per Giugno, L per Luglio, M per Agosto, P per Settembre, R per Ottobre, S per Novembre, T per Dicembre);
  5. Questo elemento ha una doppia utilità, in quanto ci permette di capire il sesso del soggetto. Mi spiego meglio, se trattati di uomo verrà riportato il giorno di nascita ( quindi il valore sarà da 1 a 31), se trattasi di donna, il giorno di nascita è aumentato di 40 unità ottenendo così un valore che andrà da 41 a 71;
  6. Rappresenta il codice catastale del comune di nascita. Ogni Comune Italiano ha un codice catastale rappresentato da 4 caratteri;
  7. Chiude l’elaborazione del codice fiscale una lettera, chiamata “carattere di controllo” che risulta essere la più difficile da attribuire. Applicando un algoritmo ai dati precedenti e utilizzando delle tabelle che assegnano determinati numeri, viene divisa per 26 la somma degli stessi. Il risultato viene confrontato con un ulteriore tabella la quale fornisce la lettera in questione.Il sedicesimo carattere ha funzione di controllo dell’esatta trascrizione dei primi quindici caratteri e viene determinato in questo modo:1. ciascuno degli anzidetti quindici caratteri, a seconda che occupi posizione di ordine pari o posizione di ordine dispari, viene convertito in un valore numerico, in base alle tabelle di corrispondenza successivamente riportate.Per i sette caratteri con posizione di ordine pari:
    Tabella C – conversione dei caratteri con posizione di ordine pari
    A o 0 = 0F o 5 = 5K = 10P = 15U = 20
    B o 1 = 1G o 6 = 6L = 11Q = 16V = 21
    C o 2 = 2H o 7 = 7M = 12R = 17W = 22
    D o 3 = 3I o 8 = 8N = 13S = 18X = 23
    E o 4 = 4J o 9 = 9O = 14T = 19Y = 24
    Z = 25

    Per gli otto caratteri con posizione di ordine dispari:

    Tabella D– conversione dei caratteri con posizione di ordine dispari
    A o 0 = 1F o 5 = 13K = 2P = 3U = 16
    B o 1 = 0G o 6 = 15L = 4Q = 6V = 10
    C o 2 = 5H o 7 = 17M = 18R = 8W = 22
    D o 3 = 7I o 8 = 19N = 20S = 12X = 25
    E o 4 = 9J o 9 = 21O = 11T = 14Y = 24
    Z = 23

    2. I valori numerici così determinati vengono addizionati e la somma si divide per il numero 26. Il carattere di controllo si ottiene convertendo il resto di tale divisione nel carattere alfabetico ad esso corrispondente nella sotto indicata tabella:

    Tabella E – determinazione del “check-digit”
    0 = A5 = F10 = K15 = P20 = U
    1 = B6 = G11 = L16 = Q21 = V
    2 = C7 = H12 = M17 = R22 = W
    3 = D8 = I13 = N18 = S23 = X
    4 = E9 = J14 = O19 = T24 = Y
    25 = Z

Tramite il codice fiscale inverso è possibile risalire ad alcuni dati anagrafici riguardanti la persona. Se per il cognome e nome il procedimento non è così immediato, è facile invece stabilire l’età e il sesso osservando l’anno di nascita e il giorno (se maggiore di 41 oppure no). Utilizzando poi le tabelle prestabilite si potrà ricavare anche il comune e mese di nascita. In presenza di due o più persone che abbiano la stessa identità fiscale (omocodia), l’Agenzia delle Entrate provvederà a modificare tempestivamente il codice sostituendo i numeri più a destra con una lettera.

È possibile che due persone abbiano lo stesso codice fiscale ma, in questo caso, l’Agenzia delle Entrate provvede a sostituire alcuni caratteri per risolvere l’ambiguità. Il presente calcolo online del codice fiscale segue le regole del DM del 12/03/1974, trascurando i rarissimi casi di omocodie e relative correzioni note solo all’Agenzia delle Entrate.

CALCOLA IL TUO CODICE FISCALE

DECODIFICA CODICE FISCALE


Scrivere articoli e guide richiede moltissimo impegno. Aiutaci a condividere questo post: a te non costa nulla, per noi è importantissimo! Condividi su Facebook l'articolo appena letto. Grazie per aver letto l'articolo fino alla fine. SCR News mette a disposizione notizie sul mondo del Fisco e Leggi, Economia, Finanza, Trading e guide di natura contabile fiscale. Rimani aggiornato diventando un FAN della nostra pagina facebook.


Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.