Scadenze fiscali del 30 novembre 2015. Cosa sono e quali sono.

Lunedì 30 novembre 2015. Scadenza secondo acconto IRPEF, IRES, IRAP, IMPOSTA SOSTITUTIVA REGIME DEI MINIMI, CEDOLARE SECCA.

paura-di-sbagliare

Insomma fra 5 giorni arriverà il famoso lunedì nero per tanti cittadini italiani. In questo articolo cercherò di farvi capire di quali scadenza parliamo, come capire cosa si stà pagando e perchè lo si stà pagando.

Secondo acconto Irpef codice tributo 4034

L’acconto Irpef ( imposta sul reddito delle persone fisiche ) è dovuto se l’imposta dichiarata in quell’anno (riferita, quindi, all’anno precedente), al netto delle detrazioni, dei crediti d’imposta, delle ritenute e delle eccedenze, è superiore a 51,65 euro. L’acconto, a decorrere dal periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2015 è pari al 100% dell’imposta dichiarata nell’anno (Dl 76/2013) e deve essere versato in una o due rate, a seconda dell’importo:

  • unico versamento, entro il 30 novembre, se l’acconto non supera 257,52 euro
  • due rate, se l’acconto è pari o superiore a 257,52 euro; la prima pari al 40% entro il 16 giugno (insieme al saldo), la seconda – il restante 60% – entro il 30 novembre.

Attenzione: il contribuente che prevede di dichiarare, l’anno successivo, una minore Irpef (a causa, ad esempio, di oneri più alti o di redditi più bassi) può determinare gli acconti da versare sulla base di tale imposta inferiore.

Il saldo e la prima rata di acconto possono essere versati in rate mensili (l’acconto di novembre deve essere pagato in unica soluzione). In ogni caso, il versamento rateale deve essere completato entro il mese di novembre.

 

Secondo acconto Ires codice tributo 2002

Similmente a quanto osservato per l’acconto Irpef, l’acconto Ires (l’imposta sul reddito delle società) deve essere pagato:

– in un’unica rata, pari al 100% dell’imposta a saldo, se la stessa imposta a saldo (rigo RN 17 del modello Unico SC 2015- Società di capitali, o RN 28 del Modello Unico ENC 2015- Enti non commerciali) va da 20,67 Euro a 257,52 Euro: il termine del pagamento è il 30 novembre 2015;

– in due o più rate, oltre i 257,52 Euro; il secondo acconto, con scadenza 30 novembre 2015, deve in questo caso essere pari al 60% del saldo, mentre il primo acconto, frazionabile, deve essere pari al 40%.

Sino a 20,66 Euro non deve essere versato alcun acconto.

Secondo acconto Irap codice tributo 3813

Parallelamente a quanto già esposto, il versamento dell’acconto Irap, per le persone fisiche ed i soggetti Irpef, deve essere effettuato:

– in un’unica rata, pari al 100% dell’imposta a saldo, se l’Irap a saldo (rigo IR 21 “Totale Imposta” del Modello Irap 2015) va da 51,66 Euro a 257,52 Euro: il termine del pagamento è il 30 novembre 2015;

– in due o più rate, oltre i 257,52 Euro; il secondo acconto, con scadenza 30 novembre 2015, deve in questo caso essere pari al 60% del rigo IR 21, mentre il primo acconto, anch’esso rateizzabile, deve essere pari al 40%. Sino a 51,65 Euro non è dovuto alcun acconto.

 

Acconto imposta Contribuenti Minimi codice tributo 1794

I contribuenti che rientrano nel regime dell’imprenditoria giovanile e dei lavoratori in mobilità di cui all’art. 27, commi 1 e 2, D.L. 98/2011, realizzano un reddito di lavoro autonomo o di impresa che è assoggettato ad un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle relative addizionali in misura pari al 5%.

Tale imposta sostitutiva va liquidata, sia a titolo di saldo che di acconto, con le stesse modalità e gli stessi termini previsti per i soggetti Irpef.

L’acconto sarà pertanto pari al 100% dell’imposta relativa all’anno precedente, sarà dovuto solo se il rigo LM14 “Differenza” è superiore a € 51,65, e andrà versato:

  • in un’unica soluzione entro il 30 novembre 2015 se l’importo dovuto (rigo LM14 “Differenza”) è inferiore a € 257,52;
  • in due rate se l’importo dovuto è pari o superiore a € 257,52, di cui:
    1. la prima, nella misura del 40%, entro il 16 giugno 2015 (6 luglio stante l’annunciata proroga dei versamenti relativi al modello Unico 2015) ovvero entro il 16 luglio 2015 (20 agosto) con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo;
    2. la seconda, nella misura del 60%, entro il 30 novembre 2015.

 

 

Secondo Acconto Cedolare secca codice tributo 1841

Il metodo di calcolo dell’acconto della Cedolare Secca (l’imposta sostitutiva sugli affitti) ha un meccanismo simile a quanto già osservato per le altre imposte.

In particolare, l’acconto deve essere versato:

– in un’unica rata, pari al 95% dell’imposta a saldo, se l’importo presente al rigo RB 11, Colonna 3, “Totale imposta cedolare secca”, del Modello Unico 2015 va da 51,66 Euro a 257,52 Euro: il termine del pagamento è il 30 novembre 2015;

– in due o più rate, oltre i 257,52 Euro; il secondo acconto, con scadenza 30 novembre 2015, deve in questo caso essere pari al 60% del saldo, mentre il primo acconto, differibile, deve essere pari al 40%.

Sino a 51,65 Euro non è dovuto alcun acconto.

 

Naturalmente queste sono solo una parte di tributi che possono scadere il 30 novembre, ed abbiamo elencato solo quelli maggiormente diffusi. Per chiarimenti su altri codici che trovate sugli F24 rimaniamo a disposizione per chiarimenti.

Buon pagamento a tutti e ricordatevi che il 16 dicembre scade Saldo IMU e TASI…..



Scrivere articoli e guide richiede moltissimo impegno. Aiutaci a condividere questo post: a te non costa nulla, per noi è importantissimo! Condividi su Facebook l'articolo appena letto. Grazie per aver letto l'articolo fino alla fine. SCR News mette a disposizione notizie sul mondo del Fisco e Leggi, Economia, Finanza, Trading e guide di natura contabile fiscale. Rimani aggiornato diventando un FAN della nostra pagina facebook.


Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.